ANTIFURTO FAI DA TE, come butto i miei soldi!

Pubblicato: 9 gennaio 2018 in Sistemi antifurto

Lo frase pubblicitaria più emblematica mai letta forse è questa: “Antifurto professionale FAI DA TE”
Ovviamente non ci è dato sapere per cosa stia “Professionale”, forse che chi lo vende fa questo di mestiere? Forse Che è adatto a ladri “professionali”? Forse che per installarlo devi essere un fai da te professionista?
Di sicuro quello che non viene mai detto è che difficilmente è il materiale che si acquista a fare si che un impianto diventi “professionale” ma tutta una serie di conoscenze tecniche e procedure che vanno dall’analisi del rischio al sapere come si bilancia una linea, come funziona e sopratutto sapere cosa sia una linea bilanciata o un tamper o una linea 24 0re…

 Le attuali Norme impongono che per il raggiungimento di un certo livello di sicurezza (livelli che vanno da 1, il più basso, fino a 4, il più alto) si debbano installare determinate apparecchiature e impongono anche come debbano essere installate, dal tipo di cavo alle giunzioni, fino alle batterie nulla può essere lasciato al caso perchè l’impianto possa essere definito sistema antintrusione livello x e possa essere rilasciata al cliente la dichiarazione di conformità in base al DM37/08 senza la quale il vostro non sarà nulla più che un impianto di avviso acustico che non potrà essere collegato alle Forze dell’ordine e in caso di furto non sarà tenuto in considerazione dalle compagnie assicuratrici.

E’ verosimile che far fare l’impianto ad un professionista del settore costi parecchio di più di quanto vi verrebbe a costare facendolo installare da vostro cugino ma siete davvero sicuri che basti vedere cosa è stato montato al vicino di casa per riuscire nell’impresa di realizzare un impianto della stessa bontà e dalle stesse caratteristiche? AI POSTERI l’ardua sentenza ma nel frattempo avrete buttato soldi (pochi) per l’acquisto dell’ottimo materiale su qualche sito di e-commerce, avrete impeganto le vostre giornate libere, sabati, domeniche, a studiare manuali incomprensibili dei quali avrete capito poco per ottenere in cambio un impianto del quale non sarete in grado di gestire i guasti, perchè ci saranno, o le anomalie tecniche e allora ormai stanchi, sfiniti di sentirlo suonare senza apparente motivo vi rivolgerete ad un professionista del settore, il quale, nella migliore delle ipotesi vi dirà di non conoscere quella marca e non potervi garantire l’adeguata assistenza.

Meditate gente, meditate!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...